La Litoranea libica “Balbia”. Storia, progetto, realizzazione

Per la collana storico-coloniale “Romanamente” esce il 25° dossier. Un numero speciale di 110 pagine con 150 immagini dedicato alla costruzione della litoranea libica nota anche come “Balbia”. “Uno dei più importanti passi verso l’unificazione di questa terra che oggi si chiama LIBIA – scrive l’architetto Mofawak Hawas nella prefazione questo progetto è un elemento fondamentale nella storia della Libia: la patria è stata unita dopo essere stata separata geograficamente in Cirenaica e Tripolitania”.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI NELLA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE “BALBIA – LITORANEA LIBICA”

ACQUISTA ORA a soli Euro 19,90 + s.p. il dossier “Come l’Italia fascista costruì la più lunga strada coloniale” inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)

Tutta la costruzione della LITORANEA LIBICA detta “BALBIA”: la storia, la realizzazione, i cantieri, le macchine, le maestranze, le case cantoniere, le case di ristoro e l’Arco dei Fileni progettato dall’architetto Florestano Di Fausto! Consueto grande formato A4 (21×30 cm)

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM “ITALIA COLONIALE” PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

La nuova grande arteria con i suoi 1.822 km e 4.000.000 mq di bitumatura “ha facilitato la mobilità dei suoi abitanti dal confine occidentale a quello orientale – afferma Hawas – per motivi economici e commerciali e di controllo per chi governava queste regioni”. Fortemente voluta dal Governatore Italo Balbo la sua costruzione fu approvata con R.D.L. 14 marzo 1935, XIII n. 545 per una spesa di L. 103.000.000 senza gravare sullo stato italiano ma solo grazie ai bilanci della colonia.
All’ufficio speciale del Genio Civile di Tripoli, diretto dall’ing. N. Troilo, il governatore diede le seguenti direttive: tempo massimo per il costruzione della Litoranea non superiore ai 12 mesi senza superare la spesa prevista, l’esecuzione dell’opera da affidarsi non a una sola ditta, ma ad un congruo numero di imprese, ognuna delle quali avrebbe dovuto, contemporaneamente alle altre, iniziare la costruzione del proprio tronco.
Lo sviluppo complessivo della Litoranea venne suddiviso in 16 tronchi da affidare ad altrettante ditte. Dieci di queste erano imprese da tempo stabilite in Colonia, rispondendo così anche a un principio di equità nei confronti degli imprenditori residenti già in Libia. In media lavorarono, nei vari tronchi, dai 1.500 ai 2.500 operai locali, supportati da dirigenti italiani.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK “BALBIA – LITORANEA LIBICA”

Disponibile la riproduzione a colori della mappa originale lunga 1 metro con tutto il tracciato della Litoranea ad Euro 10,90+sp. – Ogni 2 dossier “Romanamente 25” una MAPPA IN OMAGGIO – ordine a ilfarodimussolini@libero.it

Sottolinea Hawas: “Nonostante le loro diverse nazionalità, in questo progetto, operai italiani e libici, cui furono garantiti i propri diritti attraverso contratti di lavoro integrati, hanno lavorato fianco a fianco per realizzare questa grande opera”, infatti i contratti di assunzione furono regolati dal decreto 4 maggio 1936 n. 8277.
Nelle statistiche dell’Ufficio del Genio Civile furono registrate complessivamente 330.000 giornate lavorative di operai nazionali e 4.180.000 di operai indigeni.
“La LITORANEA LIBICA è anche la rappresentazione di come il lavoro riunisca i popoli – conclude la prefazione Hawas – Il progetto è stato un’esperienza unica di pacifica convivenza alla luce del fruttuoso lavoro tra le diverse razze”.

SFOGLIA E SCOPRI IL DOSSIER “ROMANAMENTE” Vol. 25

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI NELLA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE “BALBIA – LITORANEA LIBICA”

ACQUISTA ORA a soli Euro 19,90 + s.p. il dossier “Come l’Italia fascista costruì la più lunga strada coloniale” inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)

COMPLETA TUTTA LA COLLANA CON I VOLUMI “ROMANAMENTE” ARRETRATI:
– Vol. I“Come l’Italia fascista costruiva le strade in Africa”
– Vol. II“Come l’Italia fascista rese fertili le terre d’Africa”
– Vol. III“Come l’Italia fascista edificava le città in Africa”
– Vol. IV “Come l’Italia fascista iniziò a fotografare l’Africa”
– Vol. V “Come l’Italia fascista industrializzò l’Africa”
– Vol. VI “Come l’Italia fascista accoglieva i turisti in Africa”
– Vol. VII “Come l’Italia fascista erigeva le cattedrali in Africa”
– Vol. VIII “Come l’Italia fascista realizzava i musei in Africa”
– Vol. IX “Come l’Italia fascista modernizzò le vie d’Africa”
– Vol. X “Come l’Italia fascista valorizzò l’archeologia in Africa”
– Vol. XI “Come l’Italia fascista valorizzò i deserti in Africa”
– Vol. XII “Come l’Italia fascista costruì le ferrovie in Africa”
– Vol. XIII “Come l’Italia fascista modernizzò l’agricoltura in Africa”
– Vol. XIV “Come l’Italia fascista creò la nuova città di Rodi”
– Vol. XV “Come l’Italia fascista creò un nuovo stato in Africa”
– Vol. XVI “Come l’Italia fascista portò il lavoro nel Dodecaneso”
– Vol. XVII “Come l’Italia fascista realizzò opere pubbliche in Africa”
– Vol. XVIII “Come l’Italia fascista stupì gli Stati Uniti d’America”
– Vol. XIX “Come l’Italia fascista creò eroi leggendari”
– Vol. XX “Come l’Italia fascista gestì la posta in Africa”
– Vol. XXI “I valorosi dubat nell’eroica battaglia di Gunugado”
– Vol. XXII “Come l’Italia fascista costruì le scuole in Africa”
– Vol. XXIII “Come l’Italia fascista abolì la schiavitù in Africa”
– Vol. XXIV “Come l’Italia fascista creò le banche in Africa”

Vuoi approfondire la storia delle colonie italiane e vorresti un consiglio? Ecco QUI l’elenco delle nostre pubblicazioni: libri, dossier e riviste. Tutti i testi sono a carattere coloniale e utili per conoscere la storia d’Italia in Africa senza i pregiudizi della dittatura del pensiero unico. Ordina i tuoi titoli inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it.


12 thoughts on “La Litoranea libica “Balbia”. Storia, progetto, realizzazione

  1. Pingback: Il 15 ottobre 1935 l’Italia inizia i lavori di quella che sarà la più lunga strada coloniale mai realizzata. La Balbia | L'ITALIA COLONIALE

  2. Pingback: Collana Romanamente. Numero speciale dedicato alla costruzione della Balbia – VIDEO – L'altra faccia del colonialismo italiano

  3. Pingback: “Arco di Marco Aurelio”. A Tripoli la prima edizione del premio che celebra l’amiciza italo-libica | L'ITALIA COLONIALE

  4. Pingback: Nella Libia di Italo Balbo, l’Italia del 1935 costruisce la strada coloniale più lunga e inventa l’autogrill | L'ITALIA COLONIALE

  5. Pingback: Collana storico-coloniale ROMANAMENTE. 25 dossier e più di 1.700 foto inedite – L'altra faccia del colonialismo italiano

  6. Pingback: Ristampa della rivista LIBIA. Numero speciale del 1940 per commemorare Italo Balbo | L'ITALIA COLONIALE

  7. Pingback: Eritrea. Il treno dei desideri | L'ITALIA COLONIALE

  8. Pingback: L’architetto Mofak Hawas firma la prefazione del volume dedicato alla “Balbia” | L'ITALIA COLONIALE

  9. Pingback: L’architetto Mofawak Hawas firma la prefazione del volume dedicato alla “Balbia” | L'ITALIA COLONIALE

  10. Pingback: Rodolfo Graziani e Italo Balbo. Il fascismo crea la “Libia” | L'ITALIA COLONIALE

  11. Pingback: «C’est la guerre!» – «Pas la guerre, c’est l’Angleterre!». Soprusi inglesi sui prigionieri di guerra italiani | L'ITALIA COLONIALE

  12. Pingback: Quali sono le città in Italia con una strada dedicata a Italo Balbo? | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.