Dossier “Romanamente – Come l’Italia fascista costruiva le strade in Africa” – VIDEO

Centinaia di migliaia di km di strade sono state realizzate dall’Italia nelle colonie: dalla Libia all’Eritrea e dall’Etiopia alla Somalia, per fini commerciali, politici e militari.
Perché? Perché è sufficiente analizzare la storia dei grandi imperi dell’antichità per constatare come con lo sviluppo della rete stradale di un popolo sia andata di pari passo la fase di espansione territoriale e di progresso culturale.
.
ACQUISTA ORA a soli Euro 10,90 + s.p. il dossier “Romanamente – Come l’Italia fascista costruiva le strade in Africa” inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)
.
COVER_Romanamente – Come l'Italia fascista costruiva le strade in AfricaIl progetto di ricerca storica “L’altra faccia del colonialismo” pubblica oggi un dossier unico e inedito contenente 60 immagini fotografiche del “Comando Genio delle Forze Armate della Somalia”. Un documento del 1937 che testimonia la costruzione (luglio 1937 – maggio 1938) in Somalia della strada asfaltata Baidoa-Lugh realizzata dall’impresa di costruzioni “Cesare e Piero Buffo” sotto la direzione del Colonello Ingegnere M. Perrelli.
Un dossier unico che illustra per la prima volta l’intera realizzazione di una strada in Somalia: il cantiere, le attrezzature, le massicciate, i muri di sostegno, i ponti, i minatori e gli scalpellini al lavoro, i rulli compressori, i frantoi e i vagli, l’asfaltatura e infine l’opera “romana” compiuta.
Il sistema stradale della Somalia durante la presenza italiana, risalente all’8 febbraio 1889, ebbe uno sviluppo direttamente collegato all’occupazione territoriale, ai fini politici e alla necessità di garantire un’ottima circolazione commerciale. Infatti la possibilità o meno di sfruttamento di un territorio, sia esso coloniale o metropolitano, dipende quasi sempre soltanto da una buona organizzazione delle vie di comunicazione che permettono il collocamento dei prodotti sui mercati.
Realizzare favorevoli vie per i prodotti, assicurando loro i mercati, vuol dire stimolare l’incremento della produzione e a sua volta del consumo per la prosperità della colonia e dello Stato.
Nei primi decenni della presenza italiana in Somalia, la rete delle strade realizzate a fondo naturale percorribili da automezzi raggiungeva i 3.300 km. Nel primo decennio fascista la rete stradale venne implementata di altri 7.000 km., raggiungendo alla fine del 1931 la cifra globale di 10.100 km.
.
SFOGLIA E SCOPRI IL DOSSIER “ROMANAMENTE”
.
.
ACQUISTA ORA a soli Euro 10,90 + s.p. il dossier “Romanamente – Come l’Italia fascista costruiva le strade in Africa” inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)
.
GALLERIA FOTOGRAFICA “ROMANAMENTE”

63 thoughts on “Dossier “Romanamente – Come l’Italia fascista costruiva le strade in Africa” – VIDEO

  1. Pingback: Collana coloniale “Romanamente”. Vol. 16: Il lavoro italiano nel Dodecaneso | L'ITALIA COLONIALE

  2. Pingback: Romanamente Vol. 16 “Come l’Italia portò il lavoro nel Dodecaneso” – L'altra faccia del colonialismo italiano

  3. Pingback: Romanamente Vol. 17: le Opere Pubbliche italiane in Africa durante il colonialismo | L'ITALIA COLONIALE

  4. Pingback: “Come l’Italia realizzò opere pubbliche in Africa” il 17° volume di “Romanamente” – L'altra faccia del colonialismo italiano

  5. Pingback: Vol. 18 della collana “Romanamente” dedicato alla Crociera Atlantica del Decennale | L'ITALIA COLONIALE

  6. Pingback: È la nuova anima che tutti ci prende e ci spinge verso il progresso, verso le nuove conquiste umane – L'altra faccia del colonialismo italiano

  7. Pingback: La vita e le gesta di Amedeo Guillet per il Vol. 19 della collana storico-coloniale “Romanamente” | L'ITALIA COLONIALE

  8. Pingback: La vita eroica del Communtàr-As-Sciaetàn “Comandante Diavolo” – L'altra faccia del colonialismo italiano

  9. Pingback: Romanamente Vol. 7 “Come l’Italia erigeva le cattedrali in Africa” | L'ITALIA COLONIALE

  10. Pingback: La vita, la storia e le guerre di Amedeo Guillet | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  11. Pingback: Perché la colonizzazione era giuridicamente legittima? | L'ITALIA COLONIALE

  12. Pingback: Romanamente Vol. 20. La posta nelle colonie italiane: uffici, francobolli, mezzi e vie di comunicazione | L'ITALIA COLONIALE

  13. Pingback: I servizi postali nelle colonie italiane. Dalle carovaniere alla posta aerea – L'altra faccia del colonialismo italiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.