“DUBAT – Gli Arditi somali all’alba dell’Impero” di Alberto Alpozzi – LIBRO

DUBAT – Gli Arditi somali all’alba dell’Impero fascista” è il nuovo libro di Alberto Alpozzi per Eclettica Edizioni con la prefazione del Generale Mario Mori.

ACQUISTA ORA a Euro 20,00 + s.p. il libro “DUBAT – Gli Arditi somali all’alba dell’Impero fascista inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)

Il testo prende le mosse dalle gesta dei Dubat, letteralmente “turbante bianco”, guerrieri somali che proteggevano gli incerti confini della Somalia dalle razzie abissine. Si tratta di una ricerca volta ad approfondire la storia coloniale della Somalia e del nuovo assetto politico negli anni Venti del 900. I dubat vennero fondati nel 1924 dal Quadrumviro Cesare Maria de Vecchi di Val Cismon, Governatore della Somalia (1923-1928) e organizzati dal maggiore degli Alpini Camillo Bechis, entrambi piemontesi. I dubat, o bande armate di confine secondo la denominazione militare, costituirono un nuovo corpo di soldati coloniali d’élite alle dirette dipendenze del Governatore totalmente slegato da Roma e dal comando del Regio Corpo Truppe Coloniali. Furono protagonisti ed eroi delle operazioni militari per la pacificazione dei Sultanati del Nord Somalia (1925-1927) contribuendo alla prima creazione della nazione che oggi conosciamo con il nome di Somalia. Prima di allora la “Somalia”, come entità statale, non esisteva. Frammentata in regioni e clan in guerra costante tra loro non aveva mai conosciuta la pace. Attraverso le imprese dei dubat e della politica coloniale e “romana” del Governatore de Vecchi di Val Cismon approfondendo il panorama sociale, politico e militare si restituisce un capitolo storico poco noto. La lettura storica, basata esclusivamente su documenti, risulta un completamento del periodo esaminato. Vengono poste in luce le motivazioni sociali, storiche e politiche del colonialismo italiano per comprendere come e perché questi guerrieri somali lavorarono e combatterono spalla a spalla con gli italiani.

ACQUISTA ORA a Euro 20,00 + s.p. il libro “DUBAT – Gli Arditi somali all’alba dell’Impero fascista inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)

I documenti analizzati e proposti nel testo provengono dall’ADEV “Archivio de Vecchi di Val Cismon” conservato presso il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino e dall’archivio “Camillo Bechis” – inedito – di proprietà della famiglia Bechis. Sono inoltre stati consultati i diari personali di Cesare Maria de Vecchi di Val Cismon (periodo dal 1923 al 1928) e del figlio Giorgio al seguito del padre in Somalia. La bibliografia comprende una settantina di testi, tra libri d’epoca (Bollati, Cerulli, Ciasca, Corni, De Martino, Gaibi, Lessona, Meregazzi, Mondaini, Piccioli, Pomilio, Rava, Riveri, Sandri, Stefanini, Zoli…) e contemporanei, di autori nazionali (Del Boca, Goglia, Quirico…) ed internazionali (Ben-Ghiat, Hess, Mockler, Trunji…). Inoltre le pubblicazioni edite dalla Stato Maggiore della Difesa e dal Ministero degli Affari Esteri hanno permesso di confrontare date, luoghi, persone ed eventi.

I telegrammi ufficiali intercorsi durante le operazioni tra le forze in campo e il Governatore, tra il Ministero delle Colonie e il Governatore, hanno contribuito a chiarire zone d’ombra, eventi poco chiari e dar voce a protagonisti dimenticati. In particolare è venuto a galla un complotto – fallito – ai danni del Governatore orchestrato tra Roma, Aden e Alula mirante al fallimento delle operazioni militari e quindi al rimpatrio, con discredito, del de Vecchi. Sono state consultate decine di riviste d’epoca di settore (L’Italia Coloniale, Rivista delle Colonie Italiane, Africa Italiana…) e quotidiani nazionali (La Stampa, Il Popolo d’Italia…). È stata condotta anche una analisi sociale della cultura somala utilizzando come supporto i testi degli antropologi Joan M. Lewis e Massimo Colucci. Inoltre il De bello gallico di Giulio Cesare si è prestato a interessanti parallelismi sulle operazioni militari, sugli arruolamenti e sui negoziati. Sono state analizzate le legislazioni d’epoca, i trattati, le convenzioni, le loro interpretazioni e applicazioni per contestualizzare al meglio le scelte politiche, spesso di difficile lettura ai contemporanei. Un apparato iconografico comprendente centinaia di immagini d’epoca completa il testo e offre una visione unica e suggestiva di uomini, mezzi e luoghi sconosciuti ai più.

ACQUISTA ORA a Euro 20,00 + s.p. il libro “DUBAT – Gli Arditi somali all’alba dell’Impero fascista inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico.

26 thoughts on ““DUBAT – Gli Arditi somali all’alba dell’Impero” di Alberto Alpozzi – LIBRO

  1. Pingback: 23 Ottobre presentazione del nuovo libro di Alpozzi: “Dubat. Gli Arditi somali all’alba dell’Impero” | L'ITALIA COLONIALE

  2. Pingback: Calendario coloniale 2021 “Dubat – Gli Arditi somali” | L'ITALIA COLONIALE

  3. Pingback: La storia coloniale della Somalia mai raccontata nel nuovo libro DUBAT di Alpozzi – L'altra faccia del colonialismo italiano

  4. Pingback: “I prigionieri del sole” romanzo coloniale censurato nel Ventennio in una edizione senza tagli curata da Alpozzi | L'ITALIA COLONIALE

  5. Pingback: Le nostre pubblicazioni a carattere coloniale | L'ITALIA COLONIALE

  6. Pingback: La prefazione del Gen. Mario Mori per il libro storico “Dubat” di Alberto Alpozzi | L'ITALIA COLONIALE

  7. Pingback: La Somalia italiana fu “una colonia modello”. Il governatorato del Quadrumviro de Vecchi mai raccontato | L'ITALIA COLONIALE

  8. Pingback: Quanto era pagato un Dubat | L'ITALIA COLONIALE

  9. Pingback: La schiavitù nelle colonie. Il caso dell’Italia | L'ITALIA COLONIALE

  10. Pingback: Quando i Dubat – turbanti bianchi – indossarono la divisa color kaki | L'ITALIA COLONIALE

  11. Pingback: 1926, la rivolta di El Hagi. Analisi storica e verifica delle fonti | L'ITALIA COLONIALE

  12. Pingback: I dubat in tempo di pace. Tra strade e pozzi la creazione della Somalia | L'ITALIA COLONIALE

  13. Pingback: Civiltà, razza e colore della pelle. Ecco cosa ne pensava de Vecchi, governatore della Somalia | L'ITALIA COLONIALE

  14. Pingback: Sentinelle di bronzo. Il miglior film coloniale sui Dubat | L'ITALIA COLONIALE

  15. Pingback: Lo schiavismo in Somalia fu debellato dal primo governatore fascista | L'ITALIA COLONIALE

  16. Pingback: Cos’è una colonia e perché la colonizzazione non è mai finita | L'ITALIA COLONIALE

  17. Pingback: Somalia-Etiopia, il confine che non c’è | L'ITALIA COLONIALE

  18. Pingback: Il Governatore C.M. de Vecchi di Val Cismon rientra dalla Somalia dopo averla creata | L'ITALIA COLONIALE

  19. Pingback: “Niente medaglie d’oro al valore agli ascari”. Bufala | L'ITALIA COLONIALE

  20. Pingback: Il billao, leggendario pugnale dei Dubat | L'ITALIA COLONIALE

  21. Pingback: 24-25 Aprile 1936, battaglia di Gunagàdo. 85 anni fa la prova del valore dei dubat | L'ITALIA COLONIALE

  22. Pingback: Roma-Aden-Alula. In Somalia il complotto che mirava a far fuori il Quadrumviro de Vecchi. Dopo quasi cent’anni la verità e i nomi | L'ITALIA COLONIALE

  23. Pingback: Romanamente Vol. 21. I valorosi dubat nell’eroica battaglia di Gunugado | L'ITALIA COLONIALE

  24. Pingback: Buone vacanze ai nostri lettori e sostenitori. È stato un anno difficile ma non ci fermeranno mai | L'ITALIA COLONIALE

  25. Pingback: Radio Cooperativa intervista Alpozzi, autore del libro “Bugie Coloniali” | L'ITALIA COLONIALE

  26. Pingback: Settembre 1925: iniziano le operazioni in Migiurtinia, Obbia e Nogal. In 13 mesi tutta la Somalia sarà pacificata e portata sotto il Tricolore | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.