L’Italia depredò le risorse della Somalia? La dichiarazione dell’on. Brusasca, antifascista e giusto tra le nazioni

“La Somalia è una creazione del lavoro italiano, in Somalia non ci siamo sostituiti a nessuno, non abbiamo trovato null’altro che il deserto privo di risorse” – 1948, on. G. Brusasca, giusto tra le nazioni e fondatore della divisione partigiana Patria

Giuseppe BrusascaGiuseppe Brusasca, fu deputato dell’assemblea costituente e della Repubblica italiana e senatore. Antifascista sin dal 1923 quando a Casale guida la minoranza antifascista in Consiglio Comunale, dal 1926 a Milano frequenta gli ambienti dell’antifascismo cattolico e dopo l’8 settembre 1943 fonda la divisione autonoma Patria nel Monferrato.
Con l’aiuto di sacerdoti amici salva in prima persona tre famiglie ebree (i Foa di Casale Monferrato, i Sacerdote di Milano e i Donati di Modena) facendole espatriare in Svizzera. Per questo sarà riconosciuto come giusto tra le nazioni dall’Istituto Yad Vashem.
Nel 1948 come Sottosegretario dell’Africa Italiana si trova al porto di Genova ad accogliere la motonave “Sandal” della Silver Line proveniente da Mogadiscio con 3.145 quintali di banane. Questa era la prima bananiera proveniente dalla Somalia dopo più di 7 anni, dopo che le motonavi della Regia Azienda Monopolio Banane facevano due volte al mese la spola tra Merca, Chisimaio, Mogadiscio e Genova. Traffico interrotto dal 1941 con la sconfitta italiana in Somalia e il subentro nella colonia dell’amministrazione militare inglese.
ramb-pubblicitc3a0In quell’occasione l’on. Brusasca dichiarò: “la Somalia è una creazione del lavoro italiano, in Somalia non ci siamo sostituiti a nessuno, non abbiamo trovato null’altro che il deserto privo di risorse. Quello che oggi c’è, è tutto opera del lavoro italiano che in collaborazione col lavoro dei somali ha creato dal nulla le basi per la prosperità del territorio e per il benessere delle popolazioni.
Perciò a questa Somalia il popolo italiano, senza differenza di opinioni, nè di partiti è tutto quanto affezionato”. (1)
Dello stesso avviso fu anche il Presidente della Somalia Mohamed Siad Barre nel 1978 quando incontrò Pertini in Italia.
Inoltre l’on. Brusasca a Genova riaffermò la richiesta dell’amministrazione fiduciaria della Somalia all’Italia, cosa che venne accordata il 21 novembre 1949 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con la risoluzione n.º 289, benché l’Italia non facesse ancora parte dell’organizzazione. Si trattò dell’unico caso di amministrazione fiduciaria assegnata ad una Nazione sconfitta nella Seconda guerra mondiale.
.
E nelle altre colonie quale fu la situazione risorse/investimenti? Ce lo dice lo storico inglese Denis Mack Smith in questo articolo.
.
di Alberto Alpozzi
.
NOTA
1) Affrica – Rivista mensile di interessi coloniali, Anno III, n° 1, 15 gennaio 1948, pag. 26
.
ramb_banane-somalia3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.