L’Italia depredò le sue colonie?

Se l’Italia fascista depredò le sue Colonie ce lo dice lo storico inglese Denis Mack Smith nel suo libro “Le guerre del Duce”: “Nelle colonie furono riversati ininterrottamente fiumi di denaro, con guadagni assai scarsi, e la bilancia commerciale, a dispetto di tutte le speranze, in nessun momento favorevole all’Italia. Gli amministratori coloniali italiani fecero spesso un buon lavoro e talvolta ottimo. Costruirono vaste reti stradali; e in qualche caso le popolazioni ricevettero – dall’abolizione giuridica della schiavitù, dal controllo delle epidemie e delle carestie e dall’amministrazione della giustizia – vantaggi più concreti che le popolazioni delle vicine colonie britanniche. Il contenimento delle guerre intertribali in Somalia fu un risultato importante”.
.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM “ITALIA COLONIALE” PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI.

bilancio-colonie-italiane_1928
.

Scopri i libri suggeriti dal sito “L’Italia Coloniale”. CLICCA QUI per l’elenco delle nostre pubblicazioni: libri, dossier e riviste.

A riprova di quanto scritto dallo storico inglese è qui sopra riportata una tabella dei bilanci delle Colonie italiane, Eritrea, Somalia, Tripolitania e Cirenaica, riferita all’anno 1928 estratta da “L’Opera della R. Marina in Eritrea e Somalia (dell’occupazione al 1928)” edito dall’Ufficio Storico della Regia Marina.
Ancora Smith ricorda come dagli italiani “furono concesse, in una misura inconsueta negli imperi coloniali dell’epoca, le libertà di espressioni, di riunione, di insegnamento e di proprietà” e prosegue scrivendo che “…l’Italia fascista fu più generosa di ogni altra potenza, e i risultati furono talvolta imponenti, malgrado la spesa avesse di mira più gli effetti propagandistici in patria che l’interesse collettivo delle colonie, o la creazione di un’economia funzionante. Un gran numero di disoccupati fu importato dall’Italia per costruire alberghi, ospedali, scuole e quattromila chilometri di strade asfaltate.”

“La Somalia è una creazione del lavoro italiano, in Somalia non ci siamo sostituiti a nessuno, non abbiamo trovato null’altro che il deserto privo di risorse” – 1948, on. G. Brusasca, Giusto tra le nazioni e fondatore della divisione partigiana Patria – LEGGI QUI

di © Alberto Alpozzi  – Tutti i diritti riservati

.
.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM “ITALIA COLONIALE” PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Vuoi approfondire la storia delle colonie italiane e vorresti un consiglio? Ecco QUI l’elenco delle nostre pubblicazioni: libri, dossier e riviste. Tutti i testi sono a carattere coloniale e utili per conoscere la storia d’Italia in Africa senza i pregiudizi della dittatura del pensiero unico. Ordina i tuoi titoli inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it.

ORDINA inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico

.

10 thoughts on “L’Italia depredò le sue colonie?

  1. Pingback: Morto Denis Mack Smith, lo storico inglese che raccontò l’Italia e l’Italietta | L'ITALIA COLONIALE

  2. Pingback: Libro “Il Duca d’Aosta e gli Italiani in Africa Orientale” | L'ITALIA COLONIALE

  3. Pingback: Immigrazioni e colonialismi. Problemi di ieri soluzioni di oggi | L'ITALIA COLONIALE

  4. Pingback: Film “Sono tornato”. Parla Edda Negri Mussolini, nipote del Duce: “nel bene e nel male, il nonno fa fare soldi anche da morto” | L'ITALIA COLONIALE

  5. Pingback: Somalia 1942. Gli inglesi smantellano la ferrovia costruita dall’Italia e si rubano le locomotive | L'ITALIA COLONIALE

  6. Pingback: L’Italia depredò le risorse della Somalia? La dichiarazione dell’on. Brusasca, antifascista e giusto tra le nazioni | L'ITALIA COLONIALE

  7. Pingback: 1933. L’Italia non permetteva agli italiani nullatenenti di emigrare nelle colonie | L'ITALIA COLONIALE

  8. Pingback: 1936, la fondazione dell’Impero. Storicizzare per conoscere e comprendere | L'ITALIA COLONIALE

  9. Pingback: Diritto coloniale italiano: libertà di culto, rispetto usi e costumi indigeni e tutela delle norme consuetudinarie | L'ITALIA COLONIALE

  10. Pingback: L’Etiopia che il Negus avrebbe voluto sempre “italiana” | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.