Il destino di Roma? Civilizzare e pacificare le nazioni

 

BPerché in epoca fascista si usava spesso la parola “romanamente”?

Semplicemente perché molte delle opere e azioni del Ventennio si ispiravano chiaramente all’antica Roma, cioè venivano fatte alla “maniera romana”, vedi il noto “saluto romano”.
Così come per i romani colonizzare una nuova regione significava “romanizzarla” così era negli intenti del fascismo, in particolar modo nelle colonie.
Per i romani la romanizzazione dell’impero è sempre stato considerato un processo di civilizzazione: governare e pacificare le nazioni era il destino di Roma, esercitando la clementia verso i sottomessi, ma reagendo con forza contro chi si ribellava: “tu regere imperio populos, Romane, memento (hae tibi erunt artes) pacique imponere morem, parcere subiectis et debellare superbos, «tu, Romano, ricorda di dominare i popoli (questa sarà la tua arte) e fissare regole alla pace, di risparmiare i sottomessi e debellare i superbi» (Virgilio, Eneide VI 851-853).
Il parallelismo con il colonialismo italiano è chiaro e anche perfettamente in linea con il pensiero positivista di Auguste Comte enunciato nel “Discours esprit positif” del 1844.
Romanizzare un territorio comportava visibili e duraturi cambiamenti, determinati innanzitutto dalla costruzione di un’estesa rete stradale dotata di stazioni di posta, per raccordare tra loro le principali città consentendo il rapido spostamento delle truppe e dei mercanti.
Centuriazione di Brescia_Brixia romanaContemporaneamente alla conquista venivano bonificati i terreni paludosi e vaste aree di campagna venivano divise in lotti di uguale forma ed estensione, le centuriae, e date ai legionari affinché le coltivassero. I limiti regolari di questi terreni sono spesso ancora parzialmente individuabili o riscontrabili nelle attuali suddivisioni amministrative.
Era Benito Mussolini che disse: “Voi dovete armonizzare il combattente col lavoratore, il soldato con il colonizzatore. I legionari romani dopo aver conquistato le colonie, deponevano la daga, aprivano le strade dissodavano il terreno.”
I confini dell’agro, come per gli altri territori amministrati dai romani, coincidevano per lo più con elementi geografici naturali quali i corsi d’acqua che solcano la pianura, i laghi e i crinali dei monti delle vallate alpine. Nel territorio romanizzato venivano anche costruiti acquedotti che rifornivano di acqua potabile gli insediamenti e reti di canali per le irrigazioni.
I vasti latifundia venivano poi coltivati da vecchi soldati nelle proprie fattorie con la manodopera di liberti e coloni.
Così come avvenne, per esempio in Somalia, dove le concessioni agricole di Genale sorsero lungo il fiume Uebi Scebeli in un terreno in pendenza per una più agevole irrigazione attraverso i canali, e il Villaggio Duca degli Abruzzi lungo il fiume Giuba.
Faceva parte della romanizzazione, e delle colonizzazione italiana, la sostituzione delle antiche leggi tribali col diritto romano e con l’istituzione del diritto di proprietà.
.
di © Alberto Alpozzi  – Tutti i diritti riservati
.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...