17 Gennaio 1882, muore l’esploratore Carlo Piaggia. De Amicis: “nobilissimo italiano, operaio, soldato e apostolo”

«Perché mi pareva che in mezzo a tante fortune fatte colla facilità della parola, fra tante grandezze da poltrona e tante glorie da salotto, fosse bello il presentare questa povertà gloriosa di grandi ardimenti e di grandi sacrifici, che non ebbero premio».
Queste erano nel 1877 le parole di Edmondo De Amicis dedicate all’esploratore Carlo Piaggia.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM “ITALIA COLONIALE” PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Lo definì «nobilissimo italiano, operaio, soldato ed apostolo» e per l’autore di “Cuore” «se anche non avesse reso alcun servizio alla scienza, sarebbe benemerito dell’Italia soltanto per averle dato un esempio, più unico che raro, di coraggio e dì costanza».
Carlo Piaggia era nato a Badia di Cantignano (LU) il 4 gennaio 1827.
Fu compagno dell’Antinori nella regione del Fiume delle Gazzelle. Da solo penetrò nel paese dei Niam-Niam, considerati feroci cannibali. Nel 1876 accompagnò Romolo Gessi al lago Alberto. Separatosi dall’amico, raggiunse un lago cui diede il nome di Capechi. In Abissinia dimorò sulle rive del lago Tana e compì in sei giorni l’intera sua circumnavigazione.
Morì di febbre a Carcoggi, il 17 gennaio 1882, sul Nilo Azzurro. PER APPROFONDIRE: PROGETTO “CARLO PIAGGIA”.
Gli scrisse il De Amicis: «La seguivo col pensiero e col cuore nei suoi viaggi arditi e godevo che Ella fosse italiano e avrei dato dieci anni di vita per poter essere con lei».
E ammoniva gli italiani: «Ogni padre italiano, citando ai suoi figli l’esempio di uomini di carattere e di cuore, si ricordi di Carlo Piaggia del povero ragazzo di Centignano, del modesto tappezziere di Alessandria, dell’ardito esploratore dei Niam-Niam, e raffigurandolo là, solo davanti alla sua capanna, su cui sventola una bandiera italiana fatta di tre cenci, dica con riverenza: Ecco un uomo!».

di Alberto Alpozzi

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM “ITALIA COLONIALE”

Vuoi approfondire la storia delle colonie italiane e vorresti un consiglio? Ecco QUI l’elenco delle nostre pubblicazioni: libri, dossier e riviste. Tutti i testi sono a carattere coloniale e utili per conoscere la storia d’Italia in Africa senza i pregiudizi della dittatura del pensiero unico. Ordina i tuoi titoli inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it.

ORDINA inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico

2 thoughts on “17 Gennaio 1882, muore l’esploratore Carlo Piaggia. De Amicis: “nobilissimo italiano, operaio, soldato e apostolo”

  1. GRAZIE ALBERTO….UN ARTICOLO MOLTO INTERESSANTE CHE DESCRIVE U A ORGANIZZAZIONE NOTEVOLE …..CASPITA SE CI FOSSE ANCHE OGGI IN ITALIA … ! ! ! I NO VAX NON ESISTEREBBERO ! ! !

    "Mi piace"

Rispondi a SERGIO BRIZIO Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.