In una nota di Mosca del 1948 il ritorno dell’Italia in Libia per la pace nel Mediterraneo

In un discorso del 18 gennaio 1945, Churchill affermò che l’Inghilterra non avrebbe avuto alcun bisogno dell’Italia come socia in alcuna combinazione politica, sia in Europa, sia altrove.
E solo pochi giorni prima il ministro Eden, ripetendo un’idea già nota, aveva manifestato la decisione di non restituire all’Italia le colonie e i possedimenti.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM “ITALIA COLONIALE” PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Da lì a pochi giorni Roosevelt, Churchill e Stalin si sarebbero trovati a Jalta. La sorte delle colonie italiane non era ancora decisa ufficialmente.
Secondo Montanelli «Roosevelt […] detestava il vecchio continente, Inghilterra compresa, non vedeva l’ora di ridimensionarlo a un ruolo di comprimario spogliandolo dei suoi possedimenti coloniali, ed era pronto a sacrificarlo – come fece – all’ingordigia di terre e di dominio del satrapo sovietico, per il quale stravedeva».
Infatti gli americani – come fece notare nel marzo 1948 Capasso-Torre su L’Ora d’Italia commentando una nota di Mosca a favore dell’Italia – «perseguono una politica puramente difensiva – e fanno e faranno di tutto per eliminare i punti di frizione per i sovieti, sanno perfettamente che a tale scopo, mentre erano da respingere le velleità russe per un mandato libico, sono ugualmente da respingere le velleità britanniche, coperte o scoperte che siano, perché a favore di uno dei due opposti blocchi di Stalin. Non può pertanto sfuggire all’attenzione di Washington come, invece, conferiscano all’equilibrio e alla pace internazionale il ritorno all’antica stabilità delle posizioni mediterranee degli Stati rivieraschi e quindi il ripristino dell’Amministrazione italiana in Libia».
Né Mosca né Washington riuscirono nel loro intento e l’Italia venne privata della sua ex colonia libica dall’Inghilterra e il Mediterraneo della pace.

di Alberto Alpozzi

ACQUISTA ORA ad Euro 16,00 + s.p. il libro “Bugie Coloniali – Leggende, fantasie e fake news sul colonialismo italiano” inviando una mail a ilfarodimussolini@libero.it. Potrai pagare con Paypal, Postepay o bonifico. (No contrassegno)

La storia coloniale italiana è ancora oggi un argomento sul quale si scontrano diverse opinioni. Per lo più ideologiche e basate su leggende e fantasie. Ma la storia e i documenti cosa dicono invece?
Il libro “Bugie coloniali” di Alberto Alpozzi, edito da Eclettica Edizioni, affronta una serie di interrogativi sulla storia dell’Italia in Africa pubblicando documenti e fonti, accessibili e verificabili da chiunque, per fornire delle risposte chiare ed inequivocabili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.