Crowdfunding Somalia – Reportage faro di Guardafui

Per sostenere il reportage in Somalia, al faro Crispi di Capo Guardafui puoi fare una donazione con Paypal albertoalpozzi@libero.it, attraverso bonifico bancario intestato a Alberto Alpozzi IBAN IT28Z0344001005000000155500 (BIC BDBDIT22) oppure sul sito di crowdfunding Produzioni dal Basso.
.g
GUARDA A FONDO PAGINA LA VIDEO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI CROWDFUNDING
.
alpozzi_somalia_faro_guardafui2Buongiorno sono Alberto Alpozzi, fotoreporter e ricercatore storico, amministratore della pagina facebook dedicata al Faro Crispi e del blog di storia e attualità L’Italia Coloniale.
Nel 2013 sono stato imbarcato con la Marina Militare italiana nel golfo di Aden per documentare la Missione antipirateria. Realizzai un reportage per la La Stampa. Feci la prima pagina! Durante quella stessa missione ho riscoperto, dimenticato da oltre 70 anni, il faro Crispi.
Cosa sapevamo nel 2013 di quell’antico faro italiano realizzato dall’Italia nel 1924 sulla punta estrema de Corno d’Africa?
NULLA! Era stato dimenticato dalla storiografia ufficiale e dall’Italia.
Oggi, invece, dopo 4 anni di ricerche e due libri pubblicati il faro Crispi è tornato a vivere.
Le mie ricerche storiche sul passato coloniale italiano in Somalia hanno creato un seguito inaspettato: la pagina facebook del faro ad oggi conta quasi 17.000 iscritti con una visibilità media quotidiana di 200.000 persone e soprattutto hanno ridestato un grande interesse su quella storia, italiana, che per decenni è stata raccontata solo parzialmente.
Siete in tanti che rimanete colpiti di quante storie, grandi e piccole, ci sono state negate e che ho riscoperto e pubblicato in questi anni.
torino_il-faro-di-mussolini_alpozzi_abdulkadir_sett.2015Tre anni fa a Torino, in seguito alla pubblicazione del mio primo libro, venne direttamente dalla Somalia, a conoscermi, il Governatore di Guardafui, diciamo l’attuale “proprietario” del faro. Da quell’incontro, fummo ricevuti in Comune dal Sindaco di Torino Fassino, nacquero una serie di intese e propositi per l’approfondimento della nostra storia comune.
Il Governatore mi invitò a visitare il suo paese per potermi portare di persona a visitare il faro, poiché nel 2013 lo fotografai solamente dall’elicottero grazie alla Marina Militare italiana.
Purtroppo all’epoca non trovai i fondi necessari e dovetti declinare l’invito
Nessun giornale o editore mi finanziò il reportage.
Non ho mai smesso di cercare finanziamenti e parallelamente ho sempre proseguito le ricerche storiche che quotidianamente vengono condivise online con tutti voi.
Ora vi immaginate cosa significherebbe poter andare, via terra, a visitare quello che resta del faro accompagnato dal Governatore?
capo_Guardafui_somalia_reportage-faro_alpozziVoglio creare un reportage unico, mai fatto prima e iniziare a produrre materiale inedito per un documentario.
Pensate che da oltre 70 anni più nessuno italiano ha messo piede sul capo Guardafui e… toccato quelle pietre.
Proprio in questi giorni il Governatore mi ha rinnovato il suo invito e desiderio di incontrarmi nella sua terra, la Somalia.
Ora ho bisogno di voi! I finanziamenti non sono ancora riuscito a trovarli! Di voi 17.000 iscritti alla pagina e appassionati di storia che mi seguite da 4 anni.
Ho realizzato insieme al Governatore un planning per questo reportage ed è venuto il momento di chiudere il cerchio.
Servono almeno 4.000 euro, la maggior parte dei quali necessari per i mezzi di trasporto e la scorta. Poi ci sono gli aerei, il visto, la logistica, l’interprete… E centinaia di km di piste da percorrere nel deserto…
Il vostro aiuto e la vostra passione storica ora sono fondamentali.
Molti di voi mi hanno scritto e spronato a tentare questa strada, quella del crowdfunding dandomi il loro appoggio, per poter vedere attraverso i miei occhi e il mio lavoro il faro e riscoprire la sua storia, come nessuno prima l’ha mai raccontata.
Quindi sono in partenza. A breve il Governatore rimetterà il suo mandato e se non partirò nel giro di pochi giorni gli sforzi e il lavoro di questi ultimi 4 anni saranno stati vani.
Quanti di voi si sono trovati in situazioni simili? Siamo in tanti, bastano pochi euro a testa e insieme realizzeremo questo ambizioso progetto.
Vi chiedo una cortesia: non aspettate a dare il vostro contributo, il tempo stringe, devo partire entro 15 giorni. Già diverse organizzazioni internazionali stanno cercando di realizzare progetti nella zona.
Vi prometto che tornerò con centinaia di nuove immagini, video e storie incredibili da raccontarvi!
Ora tocca a voi! Io sono pronto a partire! Grazie, grazie a tutti e… non dimenticate di condividere questo video! So che posso contare su di voi!
.
LEGGI ANCHE
.
.
Video presentazione Crowdfundig Somalia – Reportage faro di Guardafui
.
.
Galleria fotografica Crowdfundig Somalia – Reportage faro di Guardafui
.

 

 

 

 

2 thoughts on “Crowdfunding Somalia – Reportage faro di Guardafui

  1. Pingback: Dopo 70 anni alla scoperta del faro Crispi – Crowdfunding Somalia | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  2. Pingback: Crowdfunding Somalia – Reportage. Quel faro scomodo in Italia ma presto monumento del Puntland | Viaggio nella Somalia Italiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...