NYTIMES. I missili americani trovati nel campo dei ribelli libici erano stati inizialmente venduti alla Francia

Articolo del NYTIMES  U.S. Missiles Found in Libyan Rebel Camp Were First Sold to France” di Eric Schmitt e Declan Walsh

Javelin_Libia_Francia

I soldati libici ispezionano le armi che sono state confiscate dalle forze ribelli guidate dal generale Khalifa Hifter a Gheryan, in Libia, il mese scorso – Ismail Zitouny/Reuters

WASHINGTON – Un deposito di potenti missili americani è stato venduto in Francia prima di finire nelle mani dei ribelli combattenti fedeli al generale Khalifa Hifter, che sta cercando di rovesciare il governo appoggiato dalle Nazioni Unite a Tripoli.

I quattro missili anticarro Javelin, che costano più di $ 170.000 ciascuno e di solito sono venduti solo agli alleati americani, sono stati recuperati il mese scorso dalle forze del governo libico durante un raid su un campo ribelle in Gheryan, una città tra le montagne a sud di Tripoli .
Un consigliere militare francese ha negato oggi che le armi siano state trasferite al generale Hifter, il che violerebbe l’accordo di vendita con gli Stati Uniti e un embargo sulle armi delle Nazioni Unite. Inoltre metterebbe Washington in disaccordo sulla politica della Libia con la Francia, un fedele alleato della NATO e alleato in altri punti caldi come l’Africa occidentale.
Negli ultimi giorni, il Dipartimento di Stato ha indagato sulle origini dei missili, usando i loro numeri di serie e altre informazioni, e ha concluso che originariamente erano stati venduti in Francia, che è stato un forte sostenitore del generale Hifter. La Francia ha accettato di acquistare fino a 260 Javelin dagli Stati Uniti nel 2010, secondo l’Agenzia di cooperazione per la sicurezza della difesa del Pentagono.
Due funzionari degli Stati Uniti hanno riferito che il Dipartimento di Stato ha informato lunedì e lunedì le relazioni sulle relazioni estere circa la conclusione che i missili sono stati venduti alla Francia. I due funzionari hanno parlato a condizione di anonimato per discutere il briefing classificato. I portavoce dei comitati del Congresso e il Dipartimento di Stato hanno rifiutato di commentare.
Martedì un consigliere del ministro delle forze armate francesi ha confermato che i missili Javelin trovati a Gheryan appartenevano alle forze francesi, ma hanno dichiarato di essere danneggiati e non più utilizzabili. Rispondendo alle domande del New York Times, ha detto che i missili sono stati temporaneamente archiviati in un magazzino in attesa di distruzione e non sono stati trasferiti alle forze locali.
Il consigliere francese, che sotto la sua politica governativa non era autorizzato ad essere identificato per nome per discutere la questione, disse che le armi erano tra quelle che erano state acquistate dagli Stati Uniti nel 2010, e intendevano proteggere le truppe francesi schierate in Libia per intelligence e operazioni antiterrorismo.
Ha detto di non aver violato gli embargo sulle armi in Libia, definendolo fuori questione che i missili sarebbero stati venduti o altrimenti trasferiti a “nessuno” in Libia. Ma quel racconto ha lasciato molte domande senza risposta su come le armi siano finite in un compound ribelle vicino alle prime linee di una battaglia che le Nazioni Unite hanno detto oggi ha causato oltre 1.000 morti da aprile, tra cui 106 civili. Le truppe delle forze speciali francesi schierate in Libia, tra cui tre uccisi nel 2016, si sono basate in gran parte nell’est del paese, lontano da Tripoli, dove i combattimenti si sono concentrati. La questione potrebbe emergere mercoledì, quando la commissione per i rapporti con gli affari esteri del Senato riceverà la testimonianza di R. Clarke Cooper, l’assistente segretario di stato nell’ufficio degli affari politico-militari. Il signor Cooper è in procinto di testimoniare sull’uso da parte dell’amministrazione Trump di una dichiarazione di emergenza per spingere le vendite di armi verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, un piano che ha difeso il mese scorso in un comitato della Camera. I missili Javelin sono stati scoperti dopo che le forze fedeli al governo di unità nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite hanno effettuato con successo un attacco a sorpresa il 26 giugno sul Gheryan, una montagna a 40 miglia a sud di Tripoli. Gheryan era il quartier generale della campagna militare del generale Hifter per impossessarsi del controllo di Tripoli. Dopo aver catturato Gheryan, i combattenti filogovernativi hanno scoperto droni da attacco fabbricati in Cina e la pila di quattro missili Javelin fabbricati in America in una base abbandonata. Conosciuti nelle forze armate come armi “fuoco e dimentica”, i Javelin sono guidati dalla tecnologia a infrarossi e sono in grado di distruggere tutti i carri armati principali attualmente in campo. I contrassegni sui container dei missili inizialmente sembravano indicare che erano stati originariamente venduti agli Emirati Arabi Uniti, un importante partner americano, nel 2008. Altre casse della base catturata, contenenti proiettili di artiglieria da 155 mm, avevano contrassegni dell’esercito degli Emirati ma il governo degli Emirati, uno dei più impegnati sostenitori stranieri del generale Hifter, ha fortemente negato di fornire le forze del generale con i missili. La scoperta dei missili Javelin ha confermato i timori di vecchia data che la sponsorizzazione estera su tutti i fronti del conflitto libico sta amplificando i combattimenti.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...