Mogadiscio. In Somalia non si ferma la scia di terrore e sangue di Al-Shabab

SOMALIA-UNREST-BLASTSabato 14 luglio, Mogadiscio – Due forti esplosioni seguite da un conflitto a fuoco sono state sentite vicino al palazzo presidenziale nella capitale somala.
Abdulahi Ahmed, funzionario della polizia locale, ha riferito che un’autobomba ha cercato di superare un check-point all’altezza dell’albergo Syl frequentato da funzionari di governo e stranieri, a pochi metri dal palazzo presidenziale.
Le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco contro la vettura, uccidendo tre terroristi, sventando così l’attacco. Una seconda autovettura è esplosa nella stessa zona sbandando contro una barriera di sicurezza.
L’attacco è stato rivendicato dal gruppo integralista islamico Al-Shabab che solamente lo scorso fine settimana aveva portato a segno un attacco davanti al ministero dell’Interno causando 12 morti.
Stesse modalità negli attacchi: una prima autobomba seguita da una seconda a distanza ravvicinata.
Il gruppo islamico di Al-Shabab è direttamente collegato ad Al-Qaeda ed è il maggior colpevole della destabilizzazione della Somalia con un susseguirsi di sanguinosi attacchi per rovesciare il governo centrale di Mogadiscio per imporre la sua legge basata su una visione integralista della religione islamica.
Secondo un rapporto dell’ACLED il gruppo jhidaista Al-Shabaab è il maggiore responsabile delle vittime nel paese

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...