Immigrazione, profughi e sfruttamento illegale. Ecco perché cadde l’Impero Romano

Perché cadde l’Impero Romano? Immigrazione, profughi e sfruttamento illegale

Perché cadde l’Impero Romano ce lo spiega il prof. Alessandro Barbero, ordinario di Storia medievale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”.
 
alessandro barbero“L’Impero Romano in occidente cade perché ad un certo punto non è più capace di gestire l’immigrazione […] L’Impero Romano ha cominciato a far venire gente. La gente passava il limes con il permesso delle autorità. Intere tribù, interi popoli si stanziavano in Italia, in Gallia, a lavorare […] attraverso negoziati precisi con il governo Imperiale.
Poi ad un certo punto questo flusso di immigrazione diventa troppo numeroso e la burocrazia che deve gestirlo diventa troppo corrotta e i politici che devono dare i permessi cominciano a non avere più le idee chiare. Finisce che l’emergenza umanitaria, l’arrivo di profughi, lo sfruttamento illegale degli immigrati, creano una situazione esplosiva che si traduce poi in rivolte, in guerre, in devastazioni: in quelle che noi chiamiamo le invasioni barbariche.”
.
.
A.Barbero_barbari-immigrati-profughi-deportati-nellimpero-romanoPer approfondire l’argomento: “Barbari – Immigrati, profughi, deportati nell’impero romano” di Alessandro Barbero, Laterza, 2006.
.
“Un mondo che si considera prospero e civile, segnato da disuguaglianze e squilibri al suo interno, ma forte di un’amministrazione stabile e di un’economia integrata; all’esterno, popoli costretti a sopravvivere con risorse insufficienti, minacciati dalla fame e dalla guerra, e che sempre più spesso chiedono di entrare; una frontiera militarizzata per filtrare profughi e immigrati; e autorità di governo che debbono decidere volta per volta il comportamento da tenere verso queste emergenze, con una gamma di opzioni che va dall’allontanamento forzato all’accoglienza in massa, dalla fissazione di quote d’ingresso all’offerta di aiuti umanitari e posti di lavoro.
Potrebbe sembrare una descrizione del nostro mondo, e invece è la situazione in cui si trovò per secoli l’impero romano di fronte ai barbari.”
Per molto tempo la gestione di questo flusso di popoli attraverso i confini dell’Impero produce un equilibrio instabile ma funzionale, che garantisce ai Romani l’approvvigionamento di nuove leve per l’esercito e per la coltivazione dei campi, in cambio dell’assimilazione nei più grande “Stato” del pianeta.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...